LIFTING MINIMAMENTE INVASIVO
(Ringiovanimento faciale)

Lifting minimamente invasivo (Ringiovanimento faciale)

Lifting minimamente invasivo (Ringiovanimento faciale)

Lifting minimamente invasivo (Ringiovanimento faciale)

Lifting minimamente invasivo (Ringiovanimento faciale)

Per il ringiovanimento faciale e del collo utilizziamo la nostra técnica con cicatrici minime, che porta a risultati estetici eccellenti e permette un recupero rapido dei pazienti, senza le secuele dei lifting aggressivi.

Ringiovanimento faciale volumétrico versus gravitazionale
Le tecniche classiche di lifting faciale, (Concetto Gravitazionale), seguono lateoria di caduta dei tessuti dovuta alla flaccidezza e alla gravitá. Per questo effettuano dissezioni amplie con grandi cicatrici che distorsionano la línea del capello e danno un aspetto faciale rigido e poco naturale. Inoltre , se i tessuti sono invecchiati, una dissezione e una trazione eccessiva possono pregiudicare ancor di piú il risultato. Questo grupo di tecniche segue l’antico concetto gravitazionale.

Noi pensiamo che un tessuto invecchiato debe essere migliorato, e per questo utilizziamo le cellule staminali del tessuto adiposo del paziente stesso. Allo stesso tempo non vogliamo fare grandi cicatrici, che alterino le linee di impianto del capello e delle basette. Inoltre, l’invecchiamento faciale occasiona flaccidezza e atrofia dei tessuti, con aumento dell’altezza delle palpebre inferiori, approfondimento delle occhiaie, svuotamento e caduta dello zigomo, aumento dell’altezza del labbro superiore, solchi naso-genieni molto marcati… tutto ció richiede una riposizione volumétrica (Concetto volumetrico).
Con la nostra técnica di lifting faciale, effettuando una dissezione molto conservatrice, non si causa una atrofia tissutale e ci permette il lipofilling con cellule proveniente dal tessuto adiposo del paziente, rico in cellule staminali e elaborato con distinti metodi di processamento a seconda della zona da trattare. Macrofat, Mirofat, Snif, Emulsione e Nanofat.

Il ringiovanimento integrale deve soluzionare il problema gravitazionale, ma in modo conservatore, per evitare l’estigmate dei vecchi lifting, e deve essere volumétrico per rimodellare e ringiovanire i tessuti faciali. 

Descrizione chirurgica
In primo luogo, eseguiamo una incisione che segue l’ orecchio senza arrivare alla linea del capello. In questo modo la cicatrice che ne risulta è minima e rimane nascosta nelle pieghe naturali dell’orecchio.
Anche la dissezione della pelle a livello della guancia è limitata, solo sopra la ghiandola parotide, senza arrivare allo zigomo.

A livello del collo eseguiamo una dissezione-liposuzione moderata  mediante cannule piane molto sottili, di 2 mm, e lo mettiamo in comunicazione con la zona di dissezione sottocutanea della guancia conseguendo un buon profilo mandibolare.

Successivamente diamo grande importanza al piano muscolare. Applichiamo la nostra tecnica di ripiegamento dello SMAS (Sistema Muscolo Aponeurotico Superficiale). A differenza delle tecniche tradizionali di lifting, non dissechiamo tutto lo SMAS, dal momento che nonostante i buoni risultati ottenuti con le questa tecnica, questo tessuto, che si scolla dalla pelle e dai suoi tessuti profondi, si devascolarizza e quindi si atrofizza. Per questo motivo, nel giro di uno o due anni, le pazienti sottoposte ad uno di questi lifting con dissezione completa dello SMAS presentano un volto svuotato, scheletrizzato, a causa dell’ atrofia subcutanea. Noi eseguiamo uno stiramento dello SMAS senza scollarlo e realizziamo un lembo che suturiamo dietro all’orecchio, disegnando molto bene l’angolo mandibolare.

Qualora si presentino fasce del platisma molto marcate nella parte anteriore del collo, pratichiamo un’incisione nel solco submentoniero e accedendo al muscolo platisma lo suturiamo lungo lalinea media. In questo modo  si forma un collare muscolare che sostiene tutti i tessuti nella linea media e forma un angolo di 90 gradi con il collo.
Successivamente, trazioniamo la pelle verso l’alto e, senza modificare la linea del cuoio capelluto, procediamo con la resezione della pelle in eccesso ed alla sua sutura senza tensione, poichè è lo SMAS che sopporta tutta la trazione e, dal momento che non è stato dissecato, non si atrofizza. Visto che non è stata spostata la pelle sopra lo zigomo, con la trazione della pelle, il grasso malare si solleva e si posiziona correttamente.

In tal modo, mediante il suddetto lifting con cicatrici minime, la liposuzione e la dissezione del collo con la cannula piana, il collare muscolaredel platisma,  il lembo di SMAS senza scollare lo stesso perchè non si atrofizzi e lipofilling dello zigomo con tessuto adiposo, otteniamo un ringiovanimento faciale molto sodisfacente e con minima aggressione chirurgica.

Tipologia di pazienti
Secondo differenti parametri, possiamo distinguere tra:

Gruppo 1
Apparterrebbe a questo gruppo una donna giovane tra i 35 e 50 anni con cambiamenti facciali da invecchiamento lieve o moderato, con flaccidità facciale e del collo ma senza bande larghe ed evidenti del muscolo platisma

- Pelle: In questo gruppo l’incisione si realizza a livello preauricolare a partire dal bordo della basetta passando per il bordo interno del trago nell’orecchio e continuando per il bordo inferiore e posteriore dello stesso, senza arrivare alla linea posteriore del cuoio capelluto. Con questo tipo di incisione, si minimizza la cicatrice che rimane occultata nelle pieghe naturali, senza distorcere la linea posteriore del cuoio capelluto nè la basetta. Eseguiamo una dissezione subcutanea fino al bordo mandibolare e alla guancia, senza arrivare allo zigomo per permetterci un’adeguata esposizione e trattamento dello SMAS.

- Grasso: In questa tipologia di pazienti eseguiamo una liposuzione moderata a livello del collo. Utilizziamo una cannula molto sottile e piana di 2 mm, che ci permette un controllo preciso della zona da trattare. Eseguendo questa liposuzione superficialmente (sopra al piano muscolare e sotto la pelle) e delicata, otteniamo una riduzione importante del grasso del doppio mento così come un modellamento degli angoli della mandibola e del collo. Con questa tecnica minimamente invasiva raggiungiamo risultati estetici molto buoni nella zona del collo.

- Muscoli: Il piano muscolare nella faccia si trattava tradizionalmente mediante la dissezione completa del SMAS e attraverso la sua divisione in differenti lembi che si utilizzavano come vettori di trazione. Con questa tecnica tradizionale si otteneva un risultato post operatorio con diversi ematomi e edema. Però, con l’esecuzione di questa dissezione, lo SMAS si separa dalle strutture anatomiche presenti sotto e sopra di esso,  di conseguenza si devascolarizza e pertanto si atrofizzava. Il risultato era un aspetto di faccia invecchiata e atrofica nel giro di uno o due anni. Inoltre questa técnica richiede una incisione cutánea molto grande. Se si effettua nel cuoio capelluto distorce la basetta e la nuca, se si effettua tra il capello e la pelle, in molti casi é visibile, con un risultato antiestético permanente.

La nostra tecnica di trattamento del SMAS consiste, una volta realizzata un’incisione cutanea minima, ed esposta la porzione sopraparotidea dello SMAS, nell’eseguire un lembo di SMAS, in forma di U invertita, parallelo al solco naso-genieno e a 2 cm dal bordo auricolare anteriore.

La base inferiore del lembo arriva fino al muscolo platisma. Una volta elevato il lembo di SMAS con base inferiore, si ruota di 90º posteriormente, si realiza una trazione e si fissacon punti in regione mastoidea. Allo stesso modo si sutura la zona donante del lembo e cosí si traziona e così si crea una trazione del piano muscolare della guancia e si disegna il contorno mandibolare. Il lembo di SMAS suturato a livello della zona mastoidea, disegna l’angolo mandibolo-cervicale, senza lesionere nè denervare il muscolo platisma nè lo SMAS. Con la nostra tecnica otteniamo di evitare il viso atrofico tipico delle tecniche classiche perché  non devitalizziamo lo SMAS ed allo stesso tempo otteniamo una definizione precisa dell’angolo del collo con un risultato estetico molto soddisfacente. Allo stesso tempo, non avendo dissecato a livello della guancia, possiamo effettuare le nostre tecniche di lipofilling per il ringiovanimento faciale integrale.

Gruppo 2
In questo gruppo rientrano quelle donne di piú di 50 anni che presentano una maggiore flaccidità cutanea del volto e soprattutto del collo, con bande anteriori del muscolo platisma e doppio mento. In questi casi eseguiamo delle variazioni delle tecniche prima descritte, adeguandoci sempre al singolo caso.

- Pelle: Si esegue una incisione uguale a quella del primo grupo.

- Grasso: Eseguiamo una liposuzione a livello cervicale come nel gruppo 1.

- Muscoli: Trattiamo il SMAS come nel gruppo 1, con la differenza che la larghezza del lembo varierá a seconda della necessiatà di ciascuana paziente. In questo gruppo di pazienti sono molto frequenti le bande anteriori verticali sul collo che sono la mifestazione delle pieghe del muscolo platisma. In questi casi attraverso una piccola incisione nella regione sottomentoniera, si disseca la pelle e il tessuto sottocutaneo dal muscolo platisma. Una volta identificato il muscolo, si dissecano entrambe le bande e si suturano nella linea centrale del collo e si eliminano le bande verticali iniziali, e applicando tensione mediante la sutura laterale del lembo di SSMAS, il risultato postoperatorio  sará un collo giovanile di 90 gradi. Inoltre applichiamo le tecniche di lipofilling in tutte le zone del viso che lo richiedano.